orchestra popolare rai 5  

LOGHI_2018_01.pngLOGHI_2018_02.pngLOGHI_2018_03.pngLOGHI_2018_04.pngLOGHI_2018_05.pngLOGHI_2018_06.pngLOGHI_2018_07.pngLOGHI_2018_08.pngLOGHI_2018_09.pngLOGHI_2018_10.pngLOGHI_2018_11.pngLOGHI_2018_12.pngLOGHI_2018_13.pngLOGHI_2018_14.pngLOGHI_2018_15.pngLOGHI_2018_16.pngLOGHI_2018_17.pngLOGHI_2018_18.pngLOGHI_2018_19.pngLOGHI_2018_20.pngLOGHI_2018_21.png

Fondale d'autore per il palco del Concertone di Melpignano in programma il 27 agosto

Dopo le luminarie firmate da Fabio Novembre si passa all'arte urbana di Eleonora De Giuseppe conosciuta come “La Pupazza”. L'artista realizzerà il fondale 18m x 8m dell'imponente struttura in alluminio allestita nello spazio antistante l'ex Convento degli Agostiniani. La Pupazza  lavorerà  con le sue bombolette in un capannone industriale dove utilizzerà una gru area per raggiungere quell’altezza. Ispirandosi alla Taranta e alla donna, dopo aver dipinto oltre 500 bozze seguendo il filo conduttore dell’edizione 2016, andrà a reinterpretare con il suo “Occhio” e la sua bomboletta creativa e straripante, la ragnatela in una chiave contemporanea partendo da una linea che non si stacca mai, proprio come fa il ragno, che tesse la sua tela senza sosta. A caratterizzare il fondale  sarà un elemento della natura particolarmente legato alla figura femminile e liberamente ispirato ad un brano della tradizione musicale salentina. La Pupazza ha cominciato dal suo Salento, quasi casualmente, a 24 anni, con gli ormai notissimi “occhi” dipinti sui muri. “Sognavo una Repubblica degli occhi e mi sono candidata a dare un’illusione ottica”. E’ partito tutto da qui , in maniera naturale, per poi aprire una finestra sul mondo che ha portato l’artista salentina ad Amsterdam, Berlino, Londra e Sydney suscitando grande attenzione e grande interesse in Italia e in Europa. Il suo occhio, ormai è un carattere distintivo: sono infatti 22mila gli scatti in giro per l’Italia che ritraggono, vip, personaggi del mondo dello spettacolo, della cultura, dell’arte e opinion leaders con l’occhio della Pupazza. Il suo stile da alcuni critici, è  stato ribattezzato come "pupazzismo", caratterizzato nei quadri dalla leggerezza delle bolle che diventa metafora di vita. Nelle sue opere sono presenti i paradossi dell'esistenza, la lotta dell'anima per liberarsi dalle gabbie e dai limiti imposti dalle sovrastrutture. Ha realizzato nel corso di questi anni  oltre seimila quadri  esposti in prestigiose gallerie d’arte in Italia e in Europa,  tra le ultimi esposizioni anche Expo art e design.  Recentemente  ha  dipinto 80 cabine elettriche sparse in tutta la città  di Milano e 15 muri in disuso selezionati in collaborazione con l’assessorato alla cultura della città meneghina. Per  lo spumante Santero 958,  ha realizzato 6 tipologie di blister. Si tratta di sei decorazioni selezionate  dall’azienda Santero  che decoreranno interamente le loro bottiglie.

1370 bottiglie, in edizione limitata, firmate da La Pupazza saranno dedicate interamente a La Notte della Taranta. L'azienda Santero 958 ha selezionato tre delle 500 bozze realizzate dall'artista che saranno vendute in esclusiva nell’area Taranta Premium del Concertone di Melpignano. Il ricavato sarà destinato alla Borsa di studio Sergio Torsello

 

 

 

 

 

 

NOTE! This site uses cookies and similar technologies.

If you not change browser settings, you agree to it.

I understand