orchestra popolare rai 5  

LOGHI_2018_01.pngLOGHI_2018_02.pngLOGHI_2018_03.pngLOGHI_2018_04.pngLOGHI_2018_05.pngLOGHI_2018_06.pngLOGHI_2018_07.pngLOGHI_2018_08.pngLOGHI_2018_09.pngLOGHI_2018_10.pngLOGHI_2018_11.pngLOGHI_2018_12.pngLOGHI_2018_13.pngLOGHI_2018_14.pngLOGHI_2018_15.pngLOGHI_2018_16.pngLOGHI_2018_17.pngLOGHI_2018_18.pngLOGHI_2018_19.pngLOGHI_2018_20.pngLOGHI_2018_21.png

ITINERANTE. CURSI, IL SALENTO INCONTRA I RITMI DEL BASSO LAZIO

9 agosto Cursi

Il Salento incontra la musica popolare del Basso Lazio nella seconda tappa dell’itinerante a Cursi.  Quest’anno, la ragnatela musicale, infatti oltre a presentare diverse e  importanti novità, ha voluto celebrare con il festival, nelle 16 tappe, la tradizione della musica popolare salentina ponendo grande attenzione verso i ritmi che accomunano questa terra con il Sud Italia ed in particolare  con Lazio, Campania e Sicilia. 

Il primo incontra  a Sud, a Cursi, dove ad esibirsi alle 22,30 in Piazza Pio XII saranno Kardamundi, dal Salento e MBL (musicisti del basso Lazio).

Kardiamundi è un  ensemble di folk tradizionale e musica mediterranea. La formazione nasce  nel 2014 nell’ambito dell’associazione musicale e sede di ricerca della musica popolare mediterranea con sede a Parabita. Si tratta di una formazione plastica costituita da un gruppo di musicisti formatisi in ambienti accademici.  MBL (musicisti del basso Lazio è stato fondata dal cantautore e ricercatore Benedetto Vecchio, con lo scopo di valorizzare e recuperare l’identità del Lazio meridionale, attraverso la musica, la storia, il folklore, le tradizioni, è attiva da quasi venti anni nel panorama nazionale ed internazionale del folk e della world music, studia la tradizione la ripropone e la ricontestualizza. Durante il concerto  l’ensemble sprigiona energia con i ritmi frenetici del saltarello e della il concerto sprigiona energia con i ritmi frenetici del saltarello e della ballarella, una antica tarantella presente in tutta l’area tra Lazio meridionale, alta Campania, Abruzzo Molise, le melodie suonate dagli strumenti arcaici del territorio cioè le zampogne e le ciaramelle, fuse con sonorità più world suonate da chitarre.

NOTE! This site uses cookies and similar technologies.

If you not change browser settings, you agree to it.

I understand