orchestra popolare rai 5  

LOGHI_2018_01.pngLOGHI_2018_02.pngLOGHI_2018_03.pngLOGHI_2018_04.pngLOGHI_2018_05.pngLOGHI_2018_06.pngLOGHI_2018_07.pngLOGHI_2018_08.pngLOGHI_2018_09.pngLOGHI_2018_10.pngLOGHI_2018_11.pngLOGHI_2018_12.pngLOGHI_2018_13.pngLOGHI_2018_14.pngLOGHI_2018_15.pngLOGHI_2018_16.pngLOGHI_2018_17.pngLOGHI_2018_18.pngLOGHI_2018_19.pngLOGHI_2018_20.pngLOGHI_2018_21.png

IL 17 AGOSTO, A CARPIGNANO SALENTINO IL SALENTO INCONTRA LE MARCHE

La ragnatela musicale de La Notte della Taranta, il 17 agosto fa tappa a Carpignano Salentino. Dopo Galatina, l’itinerante torna nella Grecìa Salentina dove gli appuntamenti sono due: uno nell’ambito di Altra Tela con Dario Muci e Quartetto Cluster in “Concerto per barberia e quartetto d’archi”;  alle 22.30 invece la tappa festival vedrà sul palco gli Officina Zoè insieme a Lu Trainanà musica inagibile dalle Marche.

Come di consueto, l’orario di inizio per gli eventi di Altra Tela è alle 21.30.

Si inizia con DARIO MUCI E QUARTETTO CLUSTER CONCERTO PER BARBERIA E QUARTETTO D’ ARCHI. Per questo progetto speciale, ai brani strumentali propriamente da salone, si é voluto affiancare alcuni brani cantati inediti e poco conosciuti, interpretati assieme al Quartetto Cluster, al maestro Antonio Calsolaro, Massimiliano de Marco e Vito de Lorenzi. Con questo lavoro di ricerca, Dario Muci porta in scena le atmosfere tipiche del Salento sino alla metà degli anni ’50.  Molti barbieri, infatti, erano anche musicisti e il salone un importante luogo di musica. Negli intervalli dal loro lavoro svolgevano attività musicale e didattica e i migliori maestri formavano gruppi strumentali in grado di eseguire brani classici di vario tipo (valzer, mazurche,barcarole). 

Per la tappa del festival  il Salento di Officina Zoè incontra le Marche , la musica così diventa il punto d’incontro e di forza. Officina Zoè nasce nella primavera del 1993 e da  subito diventa  un punto di riferimento nel movimento di rinascita della tradizione musicale salentina, tra i gruppi  più rappresentativi del lavoro di recupero. L’elemento di forza del gruppo è la ricerca costante della trance e della ciclicità insita nel ritmo arcano dei tamburelli e intrisa di minimalismo nella musica e nel canto: ciò ha reso possibile,col tempo, la realizzazione di nuove composizioni musicali che cantano e raccontano il mondo di oggi, ma profondamente ancorate e rispettose della filologia e del linguaggio della tradizione.

Un lavoro di recupero unito alla passione per la musica accomuna Officina Zoè e Lu Trainanà, un progetto che punta alla riscoperta ed alla rivalutazione della tradizione musicale marchigiana, propria dell’ epoca contadina e che sarà insieme alla formazione salentina sul palco dell’itinerante.  Il repertorio di questo gruppo che  sarà con Officina Zoè è fortemente legato alla tradizione montana dell’Italia centrale e del Mediterraneo.

NOTE! This site uses cookies and similar technologies.

If you not change browser settings, you agree to it.

I understand