orchestra popolare rai 5 rai cultura  ansa

LOGHI-01.pngLOGHI-02.pngLOGHI-03.pngLOGHI-04.pngLOGHI-05.pngLOGHI-06.pngLOGHI-07.pngLOGHI-08.pngLOGHI-09.pngLOGHI-10.pngLOGHI-11.pngLOGHI-12.pngLOGHI-13.pngLOGHI-14.pngLOGHI-15.pngLOGHI-16.pngLOGHI-17.pngLOGHI-18.pngLOGHI-19.jpgLOGHI-20.pngLOGHI-21.pngLOGHI-22.pngLOGHI-23.pngLOGHI-24.pngLOGHI-25.pngLOGHI-27.jpgLOGHI-28.pngLOGHI-29.pngLOGHI-30.pngLOGHI-31.pngLOGHI-32.jpgLOGHI-33.pngLOGHI-34.pngLOGHI-35.jpgLOGHI-36.jpg

IL 22 AGOSTO, IL SALENTO INCONTRA L’UMBRIA A CUTROFIANO

Il festival itinerante La Notte della Taranta si avvicina alle ultime tappe. Il 22 agosto arriva a Cutrofiano con due iniziative: Altra Tela alle 21.30 e la tappa del festival un’ora più tardi.

Per il primo appuntamento in piazza Cavallotti si esibiranno Lucilla Galeazzi, Antonio Amato, Nico Berardi con Fiore de campo, fiuru de sirenu: lo stornello tra Umbria e Salento. Dire stornello è riportare tutto al tempo della civiltà dello scalino, delle storie e dei ritornelli tramandati di generazione in generazione, come i semi antichi, i riti, le tradizioni intrecciate al vivere delle comunità che hanno espresso questa stesura fatta a più voci e giunta sino a noi attraverso lo straordinario setaccio dei dialetti italiani, un patrimonio da riscoprire e far rivivere. Questo è il punto di partenza del maestro Nico Berardi che, nell’ideare questo spettacolo, ha posto come obiettivo il confronto e la contaminazione tra dialetti che si sfidano bonariamente e proficuamente attraverso i dispetti musicali e vocali, una singolar tenzone fatta di accordi semplici, tamburelli, chitarre, zampogne. Protagonista sono Antonio Amato, cantore tra i più apprezzati della musica salentina e l’umbra Lucilla Galeazzi, voce di luminosa bellezza e potenza, accompagnati da La Piccola Orchestra dello Stornello.

 

Dopo l’incontro in Altra Tela tra Salento e Umbria, sul palco in piazza Municipio ci saranno i KAMAFEI con lo spettacolo “Traditional Version”, chiamato in questo modo  perché vuol  essere un omaggio alla tradizione popolare, anche sei ai tradizionali ritmi e strumenti si assoceranno strumenti più tecnologici. Un connubio equilibrato che avrà un unico obiettivo: esaltare la tradizione etnomusicale del Salento. Non mancheranno le contaminazioni con  le melodie spagnole, con le altre culture del Mediterraneo, in un viaggio musicale variegato e travolgente.

NOTE! This site uses cookies and similar technologies.

If you not change browser settings, you agree to it.

I understand