orchestra popolare rai 5  

LOGHI_2018_01.pngLOGHI_2018_02.pngLOGHI_2018_03.pngLOGHI_2018_04.pngLOGHI_2018_05.pngLOGHI_2018_06.pngLOGHI_2018_07.pngLOGHI_2018_08.pngLOGHI_2018_09.pngLOGHI_2018_10.pngLOGHI_2018_11.pngLOGHI_2018_12.pngLOGHI_2018_13.pngLOGHI_2018_14.pngLOGHI_2018_15.pngLOGHI_2018_16.pngLOGHI_2018_17.pngLOGHI_2018_18.pngLOGHI_2018_19.pngLOGHI_2018_20.pngLOGHI_2018_21.png

I testi del CD

Clicca sui titoli per visualizzare il testo completo del brano e la sua traduzione

 

 

Tamburu lu tamburieddhu

Stornelli

Pizzica di San Vito

Pizzica di Ostuni

Pizzica di Muro

Pizzica di Copertino

Lu zinzale

Lu ruciu de lu mare

L'acqua te la funtana

La Cardilleddha

Fior di tutti i fiori

Fimmene Fimmene

Ela, ela-mu condà, evò ime manechò

Dici ca nu me voi ca su piccinna

Damme nu ricciu

Cent'anni sale

Calinitta

Aria Caddhipulina

 

 

 


 

 

TAMBURU LU TAMBURIEDDHU

E vurria menare na splendore in aria
e vedere dove va la mia memoria

tamburu lu tamburieddhu miu vinne te Roma
me l'ave nduttu na napulitana

na na na na na na na
beddha l'amore e ci lu sape fa'

tamburu lu tamburieddhu miu e' de cucuzza
mannaggia ci lu sona e ci lu tuzza

na na na na na na....

tamburu lu tamburieddhu miu e' de Nuciglia
mannaggia ci lu sona e ci lu piglia

na na na na na na

tamburu lu tamburieddhu mia nu viziu tene
addo vide donne belle tacca e sona

na na na na na na

tamburu lu tamburieddhu mia chinu te rose
ma guarda comu ballanu ste carose

 

TAMBURO IL TAMBURELLO

E vorrei lanciare uno splendore in aria
e vedere dove va la mia memoria

tamburo il tamburello venne da Roma
me lo ha portato una napoletana

na na na na na na na
bello l'amore e chi lo sa fare

tamburo tamburello mio e' di zucchina
mannaggia chi lo suona e chi lo percuote

tamburo tamburello mio e' di Nociglia*
mannaggia a chi lo suona e chi lo piglia

tamburo tamburello mio un vizio tiene
dove vede donne belle attacca a suonare

tamburo tamburello mio pieno di rose
guarda come ballano queste ragazze

 

*Nociglia (paese in provincia di Lecce sede di un famoso costruttore di tamburelli “Mesciu Ninu”)

voci ANTONIO AMATO, ANTONIO CASTRIGNANÒ, GIANCARLO PAGLIALUNGA
ANTONIO MARRA batteria, ALESSANDRO MONTEDURO percussioni, ATTILIO TURRISI chitarra battente, VALERIO BRUNO basso, ROBERTO CHIGA tamburello, ROBERTO GEMMA fisarmonica, GIANLUCA LONGO mandolino, mandola, NICO BERARDI fiati, DANIELE DURANTE chitarra elettrica

 

Torna all'Indice.

 

 

 


 

 

STORNELLI

La fimmena ca amanti ne tene doi
la viti sempre allegra e mara mai

quandu te amava a tie amava centu
amava puru a tie pe' passatiempu

bella se a mare vai a mare vengu
se viciu ca te mini me ne torno

bella se vuoi venire a casa mia
la mejiu seggiulina sarà la tua

beddha ci vuoi venire a stornellare
ogni stornellu è nu baciu d'amore

uecchi rizzella duname mo lu core
ci uei mi senti sta sera cantare



STORNELLI

 

la femmina che amanti ne tiene due
la vedi sempre allegra e triste mai

quando amavo te ne amavo cento
amavo pure te per passatempo

bella se al mare vai al mare vengo
se vedo che ti butti me ne torno

bella se vuoi venire a casa mia
la migliore sediolina sarà la tua

bella se vuoi venire a stornellare
ogni stornello è un bacio d'amore

occhi arricciati donami il cuore
se vuoi sentirmi stasera cantare

voci ANTONIO AMATO, ANTONIO CASTRIGNANÒ, NINFA GIANNUZZI, STEFANIA MORCIANO, GIANCARLO PAGLIALUNGA, ALESSIA TONDO
ANTONIO MARRA batteria, ALESSANDRO MONTEDURO percussioni, ATTILIO TURRISI chitarra battente, VALERIO BRUNO basso, ROBERTO CHIGA tamburello, ROBERTO GEMMA fisarmonica, GIANLUCA LONGO mandolino, mandola, NICO BERARDI fiati, GIUSEPPE ASTORE violino, DANIELE DURANTE chitarra elettrica

 

Torna all'Indice.

 

 

 


 

 

PIZZICA DI SAN VITO

 

Non c'era da vinì, e so' vinutu,
so' li sospiri tua, m'hannu chiamatu.

Ah uellì, mo lu vecu ti vinì,
mo lu vecu ti nchianà,
mi ta la manu e si ni va.

E sì chiù bella tu, ti na cirasa,
iata all'amori tua quannu ti vasa.

Occhi cu occhi,
cu deggi perdi l'occhi,
a ci tici mali nuestru scatta lu cori.

ti li capelli tua so namuratu,
li vecu ti vulà ntra lu vientu.

Ah uellì uellì uellà,
la pacchianella mea
quannu chiamu ata vinì.

na maranceddha npiettu t'agghia minari
la vanna ti lu cori t'agghia feriri.

ah ah ah diavulu fallu 'ntruppicà
cu na spina 'ntallu peti
cu no pozza cammina

ti lu ritornu a dì pi n'ata fiata,
alla cumpagnia va, a Santu Vitu va,
alla cumpagnia va sta sirinata.

Ahi core core core te zuccheru e limone
t'agghiu da nu vasu a mocca
t'agghiu zuccera' la vocca


PIZZICA DI SAN VITO

 

Non c'era da venire e sono venuto
sono i sospiri tuoi che mi hanno chiamato

a ueli' ora lo vedo venire
ora lo vedo salire
mi da la mano e se ne va

e sei più bella tu di una ciliegia
beato il tuo amore quando ti bacia

occhi con occhi
che debba perdere gli occhi
a chi dice male nostro, scoppi il cuore

dei capelli tuoi sono innamorato
li vedo volare nel vento

la villanella mia
quando la chiamo deve venire

un'arancia in petto ti devo tirare
la parte del cuore ti devo ferire

ah ah ah diavolo fallo incespicare
con una spina nel piede
che non possa camminare

te lo ritorno a dire un'altra volta
alla compagnia e Santo Vito
va questa serenata

ahi cuore di zucchero e limone
devo darti un bacio in bocca
devo zuccherarti la bocca

 

Voci: ANTONIO AMATO, NINFA GIANNUZZI, STEFANIA MORCIANO, ENZA PAGLIARA, GIANCARLO PAGLIALUNGA, ALESSIA TONDO.
ANTONIO MARRA batteria
ALESSANDRO MONTEDURO percussioni, ATTILIO TURRISI chitarra battente, VALERIO BRUNO basso, ROBERTO CHIGA tamburello, ROBERTO GEMMA fisarmonica, GIANLUCA LONGO mandolino, NICO BERARDI fiati, GIUSEPPE ASTORE violino, DANIELE DURANTE chitarra elettrica

 

Torna all'Indice.

 

 

 


 

 

PIZZICA DI OSTUNI

 

A dde t'ha pezzecate la tarantedda
sotta lu gire gire de la vunnedda
a dde t'ha pezzecate lu scaranzone
sotta lu gire gire de lu cazone

e ponda ponda ponda
coje le cime coje le ponde
coje le cime coje le ponde
cojiele tutte quande sonde

oh ce priesce oh ce alleria
quanne siende lu tammariedde
cu catarra e manduline
tu te siende uagniengiedde

Mena Menodda
t'i mangiate la cepodda
e cepodda e diavulicchie
damme nu vase a pizzechicchie

digghie tezza li diende
allu scalone di mienze mienze
digghie tezza lu muse
allu scalone de suse suse

a ueli ueli uela
belli l'amore e ci lu sape fa

e Nine Nine mia
berefatte i l'amore mia
e na ite ca me lu vande
me lu dichene tutte quande

e balla balla balla
na pozze chiu balla'
ca vene l'amore mia
mara me cumm'ima fa

e cara canata
li cusciene so' recamate
recamate cu la pundina
cumm'a chire de mia cugina

e cara canata
li cusciene so' recamate
recamate cu lu merlette
cumm'a chire de zia Nenette



PIZZICA DI OSTUNI

 

Dove ti ha pizzicato la tarantella
sotto il giro giro della gonnella

dove ti ha pizzicato lo scarabeo
sotto il giro giro dei calzoni

e punta punta punta punta
cogli le cime cogli le punte
coglile tutte quante sono

oh che gioa oh che allegria
quando senti il tamburello
con chitarra e mandolino
tu ti senti ragazzino

Mena (Filomena) Menodda
hai mangiato la cipolla
la cipolla e peperoncino
dammi un bacio a pizzichicchio

devi sbattere i denti
allo scalino di mezzo
devi sbattere il muso
allo scalino di sopra

bello l'amore e chi lo sa fare

e Nino Nino mio
bello fatto e' l'amore mio
e non e' che me lo vanti
me lo dicono tutti quanti

non posso piu' ballare
che viene l'amore mio
povera me come faro'

e cara cognata
i cuscini sono ricamati
ricamati con la puntina
come quelli di mia cugina

e cara cognata
i cuscini sono ricamati
ricamati con il merletto
come quelli di zia Nenette

 

Voci: ENZA PAGLIARA, GIANCARLO PAGLIALUNGA, ALESSIA TONDO.
ANTONIO MARRA batteria, ALESSANDRO MONTEDURO percussioni, ATTILIO TURRISI chitarra battente, VALERIO BRUNO basso, ROBERTO CHIGA tamburello, ROBERTO GEMMA fisarmonica, GIANLUCA LONGO mandolino, NICO BERARDI fiati, GIUSEPPE ASTORE violino, DANIELE DURANTE chitarra elettrica

 

 

Torna all'Indice.

 

 

 


 

 

PIZZICA DI MURO

 

Lassatila ballare sta caruseddha
Lassatila ballare sta caruseddha
ca porta na taranta (Santu Paulu falla santa)
sutta allu pete
nai nai e nella comu se balla la tarantella
ca se balla a core a core
senza scarpe e senza sole
ca se balla dirimpettu se te llarghi nu te spettu

comu na paccia me azzu la matina
comu na paccia me azzu la matina
la notte non mi lasci mai ripusare bella
Ahi core core fazzulettu te culore
ne lu dau a lu bene miu se lu stuscia lu sudore

Nu sciucare cu mie ca nu la vinci
Nu sciucare cu mie can u la vinci
io su la vincitora, te l’ amanti
ahi none none nu su quiste le parole
su quiddhe te la sera alla calata te lu sole

nc’ete na zitella se chiama Santa
nc’ete na zitella se chiama Santa
lu vole maritatu nu me lu llenta
ahi none none none, si lu magghiu giocatore
te la levi la camisa ca si no nu è l’amore
na nai e nella comu se balla la tarantella
ca se balla a core a core senza scarpe e senza sole
ca se balla dirimpettu se te llarghi nu te spettu
ahi core core core de zucchero e limone
t’aggiu dare nu vasu a mocca
t’aggiu zuccara’ la vocca
ahi Tore Tore, si lu magghiu giocatore
te la levi la camisa ca si no nu è l’amore



PIZZICA DI MURO

 

Lasciatela ballare questa signorina
Lasciatela ballare questa signorina
che porta una taranta sotto al piede

nai nai e nella come si balla la tarantella
che si balla cuore a cuore
senza scarpe e senza suole
che si balla dirimpetto se ti allontani non ti aspetto
come una pazza mi alzo la mattina
come una pazza mi alzo la mattina
la notte non mi lasci mai riposare bella
ahi cuore cuore fazzoletto di colore
glielo do al bene mio che si asciughi il sudore

Non giocare con me che non la vinci
Non giocare con me che non la vinci
io sono la vincitrice delle amanti
ahi no no no non sono queste le parole
sono quelle della sera alla calata del sole

c'è una signorina che si chiama Santa
c’è una signorina che si chiama Santa
vuole maritarsi non me la da
ahi no no no sei il migliore giocatore
ti togli la camicia che se no non è l'amore
na nai e nella come si balla la tarantella
che si balla cuore a cuore senza scarpe e senza suole
che si balla dirimpetto se ti allontani non ti aspetto
ahi cuore cuore cuore di zucchero e limone
ti devo dare un bacio in bocca
ti devo zuccherare la bocca
ahi Tore Tore sei il migliore giocatore
ti togli la camicia che altrimenti non è l'amore

 

Voce: ENZA PAGLIARA
ANTONIO MARRA batteria, ALESSANDRO MONTEDURO percussioni, ATTILIO TURRISI chitarra battente, VALERIO BRUNO basso, ROBERTO CHIGA tamburello, ROBERTO GEMMA fisarmonica, GIANLUCA LONGO mandolino, NICO BERARDI fiati, DANIELE DURANTE chitarra elettrica

 

Torna all'Indice.

 

 

 


 

 

PIZZICA DI COPERTINO

 

Dumenica matina a messa prima
Ca iddi ninella mia dhai masunata

Mentre ca la uardai la tinni mente
Comu n'aceddhru ni spariu te nanti

Me misi a dumandare tutta la gente
Ci l'ati ista ddha uecchi d'amante

Una m'ha dittu ca nu l'ha bituta
L'autra m'ha dittu ca alli balli ha sciuta

Ieu scii alli balli e la truvai ballando
Cu na cuasetta bianca e na pulita

Mesciu li balli cu puezzi cicare
Nu biti la mia bella addhu sta more

Nu biti addhu sta more pi li balli
Ca pi signale cotula lu pete

 

PIZZICA DI COPERTINO

 

Domenica mattina a messa prima
vidi Ninella mia in contemplazione

mentre la guardai e tenni in mente
come un uccello mi sparì d'avanti

mi misi a domandare tutta la gente
se l'hanno vista quella occhi d'amante

una mi ha detto che non l'ha vista
l'altra mi ha detto che ai balli e' andata

io andai ai balli e la trovai ballando
con le calze bianche e vestiti puliti

maestro di balli che tu possa cecare
non vedi la mia bella che sta morendo

non vedi che sta morendo per i balli
che per segnale muove il piede



Voce: ALESSANDRA CAIULO

Batteria ANTONIO MARRA, percussioni ALESSANDRO MONTEDURO, chitarra battente ATTILIO TURRISI, basso VALERIO BRUNO, tamburello ROBERTO CHIGA, fisarmonica ROBERTO GEMMA, mandolino GIANLUCA LONGO, fiati NICO BERARDI, chitarra elettrica DANIELE DURANTE.

 

Torna all'Indice.

 

 

 


 

 

LU ZINZALE

 

zum zum zum…
lu zinzale ulia se nzura
e la zita comu faremu
li rispunne la furmica signor zinzale ieu su la zita
e la zita l'imu truvata
e la dota comu faremu
li rispunne la malota signor zinzale ieu su la dota

e la dota l'imu truvata
e lu prete comu faremu
li rispunne lu centupede signor zinzale ieu su lu prete
e lu prete l'imu truvatu
e la casa comu faremu
li rispunne la rattacasa signor zinzale ieu su la casa

e la casa l'imu truvata
e lu lettu comu faremu
li rispunne lu scarfalettu signor zinzale ieu su lu lettu
e pe dota la malota
e pe prete lu centupede
la rattacasa face la casa
lu scarfalettu face lu lettu

lu zinzale l'imu nzuratu
la furmica l'imu sistemata
e la storia l'imu crisciuta ca tutti quanti limu cantata



LA ZANZARA

 

la zanzara (maschio) voleva sposarsi
per la sposa come faremo
rispose la formica signor zanzara sono io la sposa
e la sposa l'abbiamo trovata
e la dote come faremo
rispose lo scarafaggio signor zanzara sono io la dote
e la dote l'abbiamo trovata
e il prete come faremo
rispose il centopiede sono io il prete

e il prete lo abbiamo trovato
e la casa come faremo
rispose la grattugia sono io la casa

e la casa l'abbiamo trovata
e il letto come faremo
rispose lo scaldaletto sono io il letto

e per dote lo scarafaggio
e per prete il centopiede
la grattugia fa la casa
lo scaldaletto fa il letto

la zanzara l'abbiamo sposato
la formica l'abbiamo sistemata
e la storia l'abbiamo cresciuta
che tutti quanti l'abbiamo cantata



voci ANTONIO AMATO, NINFA GIANNUZZI, STEFANIA MORCIANO, GIANCARLO PAGLIALUNGA
ANTONIO MARRA batteria, ALESSANDRO MONTEDURO percussioni, ATTILIO TURRISI chitarra battente, VALERIO BRUNO basso, ROBERTO CHIGA tamburello, ROBERTO GEMMA fisarmonica, GIANLUCA LONGO mandolino, mandola, NICO BERARDI fiati, GIUSEPPE ASTORE violino, DANIELE DURANTE chitarra elettrica

 

Torna all'Indice.

 

 

 


 

 

LU RUCIU DE LU MARE

 

Na sira ne passai te le padule
e ‘ntisi le cranocchiule cantare.

A una a una le sentia cantare
pariane lu ruciu te lu mare.

Lu ruciu te lu mare è mutu forte
la fija te lu re se tae la morte.

Iddha se tae la morte e jeu la vita
la fija te lu re sta se marita.

Iddha sta se marita e jeu me ‘nsuru
la fija te lu re porta nu fiuru.

Iddha porta nu fiuru e jeu na parma
la fija te lu re se ndae alla Spagna.

Iddha se ndae alla Spagna e jeu ‘n Turchia
la fija te lu re è la zita mia.
e vola vola vola palomba mia
ca jeu lu core meu te l’aggiu dare




IL BRUSIO DEL MARE

 

Una sera passai dalle paludi
e udii le ranòcche cantare.

A una a una le sentivo cantare
parevano il brusio del mare.

Il brusio del mare è troppo forte
la figlia del re si dà la morte.

Lei si dà la morte, ed io la vita
la figlia del re si sta maritando.

Lei si marita e io mi sposo
la figlia del re porta un fiore.

Lei porta un fiore ed io una palma
la figlia del re parte in Spagna.

Lei parte in Spagna ed io un Turchia
la figlia del re è la fidanzata mia.
E vola vola vola palomba mia
che io il cuore mio te le devo dare

 

Voci: ANTONIO AMATO, ALESSANDRA CAIULO, GIANCARLO PAGLIALUNGA, ALESSIA TONDO.
ANTONIO MARRA batteria , ALESSANDRO MONTEDURO percussioni, ATTILIO TURRISI chitarra classica e battente , STEFANO RIELLI contrabbasso , ROBERTO CHIGA tamburello, ROBERTO GEMMA fisarmonica , GIANLUCA LONGO mandolino , NICO BERARDI fiati , GIUSEPPE ASTORE violino, DANIELE DURANTE chitarra elettrica

 

Torna all'Indice.

 

 

 


 

 

L’ACQUA TE LA FUNTANA

L’acqua te la funtana è mara mara,
ca si nu b’era mara amore miu me la bivia.

Rit.

Comu gira comu zumpa e balla,
comu zumpa la Ninella mia,
ci vorrebbe 'na zitella
per goder la gioventù.

La mamma m'ha mandatu a li zanguni,
m’ha dittu ca stasera ammore miu sò maccarruni.

Rit.

Quannu era zitu ieu, tuttu turnisi
mò ca m'aggio nzuratu amore miu su senza causi.

Rit.

Quandu te piensi ca sta mangi sagne
sta mangi cime te cecore longhe

Rit.



L’ACQUA DELLA FONTANA

L’acqua della fontana è amara amara,
che se non fosse amara amore mio me la berrei.

Rit
Come gira come salta e balla,
come salta la Ninella mia,
ci vorrebbe una zitella
per goder la gioventù.

La mamma mi ha mandato a raccogliere il crespigno,
mi ha detto che questa sera amore mio saranno maccheroni.

Rit.

Quando ero scapolo, io avevo molti soldi,
ora che mi sono sposato amore mio sono senza calzoni

Rit.

Quando pensi di mangiare “sagne”
stai mangiando cime di cicorie lunghe

 

VOCI: ANTONIO AMATO, GIANCARLO PAGLIALUNGA, ANTONIO CASTRIGNANO'
 
ANTONIO MARRA batteria
ALESSANDRO MONTEDURO percussioni, ATTILIO TURRISI chitarra classica, VALERIO BRUNO basso, ROBERTO CHIGA tamburello, ROBERTO GEMMA fisarmonica, GIANLUCA LONGO mandolino, NICO BERARDI fiati, GIUSEPPE ASTORE violino, DANIELE DURANTE chitarra elettrica

 

Torna all'Indice.

 

 

 


 

 

LA CARDILLEDDHA

 

Mamma la cardilleddha me vulau
tutta fatta rimase la gargiula

nu bastava lu miju ca li dia
purchè la ncarizzu cu non vola

oh funtanella dimmelo tu
perché angiolina nun m’ama più

passau lu turdu maledettu sia
cu lu so cantu la fice cu vola

ca la so mamma a mie me lu dicia
fiju la faci grande e poi te vola

oh funtanella dimmelo tu
perché angiolina non m’ama più



LA PICCOLA CARDILLA

 

Mamma la piccola cardilla mi volò
tutta fatta rimase la gabbia

non bastava il miglio che le davo
la accarezzavo affinché non volasse

oh fontanella dimmelo tu
perché Angiolina non mi ama più

passò il tordo maledetto sia
con il suo canto la fece volare

che la sua mamma a me lo diceva
figlio la fai grande e poi ti vola

oh fontanella dimmelo tu
perché Angiolina non mi ama più

 

ANTONIO AMATO voce
ANTONIO MARRA batteria , ALESSANDRO MONTEDURO percussioni, ATTILIO TURRISI chitarra classica, VALERIO BRUNO basso, ROBERTO CHIGA tamburello, ROBERTO GEMMA fisarmonica, GIANLUCA LONGO mandolino, mandola, NICO BERARDI fiati, GIUSEPPE ASTORE violino

 

Torna all'Indice.

 

 

 


 

 

FIOR DI TUTTI I FIORI

E fior di tutti i fiori, fior di lu pepe,
tutte le fontanelle su siccate.

Tutte le fontanelle e mo su siccate,
povero amore mio, more di sete.

Fiori di tutti i fiori fior di mentuccia
beato chi ti stringe e chi ti abbraccia

Quandu te minti a amare ama signori,
ma nù amare core de villani.

De li villani nd'hai la malecrianza
de li signori nd'hai la reverenza

Nu pozzu chiù cantare, persi la voce,
l'ho persa ieri sera alla fornace.

L'ho persa sotto un albero di noce
pe na zitella ca nu dia la pace



FIOR DI TUTTI I FIORI

E Fior di tutti i fiori, fior di pepe,
tutte le fontanelle sono seccate.

Tutte le fontanelle sono seccate.
povero amore mio, muore di sete.

Quando ami, ama i signori,
non amare i cuori dei villani.

Dai villani hai la malcreanza
dai signori la riverenza

Non posso più cantare, ho perso la voce,
l'ho persa ieri sera alla fornace.

L'ho persa sotto un albero di noce
per una zitella che non dava pace.

 

Voce STEFANIA MORCIANO
ANTONIO MARRA batteria, ALESSANDRO MONTEDURO percussioni, ATTILIO TURRISI chitarra classica, STEFANO RIELLI contrabbasso, ROBERTO CHIGA tamburello, ROBERTO GEMMA fisarmonica, GIANLUCA LONGO mandolino mandola, NICO BERARDI fiati, GIUSEPPE ASTORE violino, DANIELE DURANTE chitarra elettrica

 

Torna all'Indice.

 

 

 


 

 

FIMMENE FIMMENE

 

Fimmene fimmene ca sciati allu tabaccu.
ne sciati doi e nde turnati quattru

fimmene fimmene ca sciati a vindimmare.
e sutta allu cippune bu la faciti fare

fimmene fimmene ca sciati alle ulie.
cojitinde le fitte e le chigghiare

e Santu Paulu miu te le tarante.
pizzachi le caruse e le fai Sante

e Santu Paulu miu te le Galatina.
fammela cuntenta’ sta signurina

e Santu Paulu miu te le Galatina.
famme la grazia a mie fammela ‘mprima



FEMMINE FEMMINE

 

Femmine femmine che andate al tabacco.
andate due e tornate quattro

femmine femmine che andate a vendemmiare.
e sotto al ceppo ve la fate fare

femmine femmine che andate alle olive.
raccogliete le ammonticchiate e le sparse

San Paolo mio delle tarante.
pizzichi le giovani e le fai Sante

e San Paolo mio di Galatina.
fammela contenta questa signorina

e San Paolo di Galatina.
fammi la grazia, a me fammela prima

 

Voce: ENZA PAGLIARA
Batteria ANTONIO MARRA, percussioni ALESSANDRO MONTEDURO, chitarra battente ATTILIO TURRISI, basso VALERIO BRUNO, tamburello ROBERTO CHIGA, fisarmonica ROBERTO GEMMA, mandolino e mandola GIANLUCA LONGO, fiati NICO BERARDI, violino GIUSEPPE ASTORE, chitarre elettrica DANIELE DURANTE

 

Torna all'Indice.

 

 

 


 

 

ELA, ELA-MU CONDÀ, EVÒ IME MANECHÒ

 

Diàvica azze mìan òrian
ghetonìace ida tin agàpi 'so zzilò,
ìstine pu pòtize tin merodìa
me tin bucàlan ìritte nnerò.
ivò votìstimo m’olin tin cardìa:
“dà-mmu ‘nan fiùro na miristò!”.
cini votìsti m'olin tin passiùna:
“tis piànni ton fiuro pianni tin patrùna!”.

ELA, ELA-MU CONDÀ, EVÒ IME MANECHÒ
posson mu fènese òria ce galànta
panta ‘sù pai’ cherùmeni jelònta
ise san to rodon es tin kiànta
puddìn tis primmavèra ti pai petònta
ce “umme umme” panta ‘sù mu lei
ce “umme umme” ce ‘en en umme mai
ce “umme umme” ce ‘sù me cocèi
ce “umme umme” ce o cerò mas pai.

Asca calèdda-mu na parettì
ti fsemerònni ciuriacì pornò,
na vali’ tin gunèdda tin calì,
to damantìli to matafsotò.
Na pai’ na canonistìn es to jalì,
na dis an prepi aspro o rodinò.
an su prepi rodinò dela ‘ss emèna
ti scizo tin cardìa su dio to jema.

ELA, ELA-MU CONDÀ, EVÒ IME MANECHÒ



VIENIMI VICINO CHE IO SONO SOLO

 

Passai da un bel vicinato
e vi scorsi il mio amore sul ripiano,
innaffiava le piante odorose,
con la brocca vi versava l'acqua.
Le mi rivolsi di tutto cuore:
“donami un fiore per provarne il profumo!”.
Ma lei soggiunse con ardore:
“chi prende il fiore prende anche la padrona!”.

VIENIMI VICINO CHE IO SONO SOLO
Tanto bella mi pari e galante,
sempre allegra e sorridente
quale rosa sulla pianta,
aucel di primavera svolazzante:
“sì sì” sempre tu mi dici,
“sì sì” ma non è sì mai.
“sì sì” e mi stai cocendo,
“sì sì” e il tempo se ne vola.

Alzati mia bella a prepararti,
albeggia domenica mattino.
Indossa la bella gonnella
e il grembiule di seta.

Poi vai a rimirarti allo specchio
e scegli se ti va il bianco o il rosso:
se ti va il rosso, vieni da me
che mi lacero il cuore e te ne dono il sangue.

VIENIMI VICINO CHE IO SONO SOLO

 

voce NINFA GIANNUZZI
ANTONIO MARRA batteria, ALESSANDRO MONTEDURO percussioni, ATTILIO TURRISI chitarra classica, STEFANO RIELLI contrabbasso, ROBERTO CHIGA tamburello, ROBERTO GEMMA fisarmonica, GIANLUCA LONGO mandolino, mandola, NICO BERARDI fiati, GIUSEPPE ASTORE violino, DANIELE DURANTE chitarra elettrica

 

Torna all'Indice.

 

 

 


 

 

DICI CA NU ME VOI CA SU PICCINNA

 

Dici ca nu me voi ca su piccinna
ca nu te sacciu fare lu cuddhraru

ieu te lu fazzu scrittu cu la pinna
poi te lu mandu cu lu mandataru

ca te lu pettu miu tieni le chiai
tu l’apri e ‘nzerri quante fiate voi

tie nu me fa cascare a celusia
damme l'amore tua e nun andare via

piccula piccinneddhra tu già siei
cu la faci l’amore tu no sai

spetta cu rrivi tie poi all’anni mei
ca le pene d’amore mparerai



DICI CHE NON MI VUOI PERCHE’ SONO PICCINA

 

Dici che non mi vuoi che son piccina
e non ti so fare il collare

io te lo faccio scritto con la penna
poi te lo mando con il mandatario

che del mio petto hai le chiavi
tu lo apri e chiudi quante volte vuoi

tu non mi fare cascare in gelosia
dammi l'amore tuo e non andare via

piccola piccolina tu già sei
per fare l’amore tu non sai

aspetta di arrivare agli anni miei
che le pene d'amore imparerai



ALESSIA TONDO, voce
ANTONIO MARRA batteria, ALESSANDRO MONTEDURO percussioni , ATTILIO TURRISI, chitarra battente, VALERIO BRUNO basso, ROBERTO CHIGA tamburello, ROBERTO GEMMA fisarmonica, GIANLUCA LONGO mandolino e mandola, NICO BERARDI fiati, DANIELE DURANTE chitarra elettrica

 

Torna all'Indice.

 

 

 


 

 

DAMME NU RICCIU

 

Damme la manu de sutta lu cippone
tie de calandra e ieu de calandrone

E damme la manu e stringimela forte
e fino alla morte e nu me bandunare

Damme nu ricciu mo de li toi capelli
su ricci e so belli me fannu innamorare

E vene lu ientu e li fa comparire
a cannoli d’oro a ricciuli d’argento

Dammi la manu e stringimela forte
fino alla morte e nu me bandonare



DAMMI UN RICCIOLO

 

Dammi la mano sotto la vigna
Tu come una calandra io come un calandrone

E dammi la mano e stringila forte
E fino alla morte e non mi abbandonare

Dammi un ricciolo dei tuoi capelli
Sono ricci e sono belli e mi fanno innamorare

E viene il vento e li fa comparire
A boccoli d’oro a riccioli d’argento

Dammi la mano e stringila forte
Fino alla morte e non mi abbandonare

 

Voce: ANTONIO AMATO
Percussioni ALESSANDRO MONTEDURO, chitarra battente ATTILIO TURRISI, contrabbasso STEFANO RIELLI, fisarmonica ROBERTO GEMMA, mandolino GIANLUCA LONGO.

 

Torna all'Indice.

 

 

 


 

 

CENT’ANNI SALE

 

Cent’anni sale ulia mangiare
Pe na donna ca me disse su dissapitu

Portu na piaga am piettu e nu me pare
Ci me l'ha fatta a mie picca se tole

Lu miedicu iu vosi dummandare
Cu bisciu ci mi passa stu dulore

Quandu me disse nu pote sanare
perce se tratta de piaga d amore

Campagna me nde scí pe disperatu
pe no sapendo che cos è l’amore

Pe pane me mangiava l' erve mare
Pe vinu me bivia lu miu sudore

 

CENT’ANNI SALE

 

Cent’anni sale vorrei mangiare
per una donna che mi disse sono dissapito

porto una piaga in petto e non pare
chi me l'ha fatta poco si duole

il medico volli domandare
per vedere se mi passa 'sto dolore

quando mi disse non può sanare
perché si tratta di piaga d'amore

in campagna me ne andai per disperato
per non sapere che cosa è l'amore

per pane mangiavo le erbe amare
per vino bevevo il mio sudore

 

Voce: GIANCARLO PAGLIALUNGA
Batteria ANTONIO MARRA, percussioni ALESSANDRO MONTEDURO, chitarra battente ATTILIO TURRISI, basso VALERIO BRUNO, tamburello ROBERTO CHIGA, fisarmonica ROBERTO GEMMA, mandolino e mandola GIANLUCA LONGO, fiati NICO BERARDI, chitarra elettrica DANIELE DURANTE.

 

Torna all'Indice.

 

 

 


 

 

CALINITTA!

 

Ti en glicèa tusi nìtta, ti en òria!
ce ‘vò ‘en plônno pensèonta ‘ss esèna;
ce ‘ttù-mpì stin fenèstra-ssu, agàpi-mu,
tis cardìa-mmu su nìtto tin pena.

Evò panta ‘ss esèna pensèo
jatì sena zzichì-mmu ‘gapò,
ce pu pao, pu sirno, pu steo
stin cardìa panta ‘sena vastò.

Ta asteràcia apu ‘panu me vlèpune
ce m’o fengo crifìzun nomèna,
ce jelùn ce mu lèune: “ston ànemo
ta traùdia pelìs, ìn chamèna!”

Ma ‘sù plônni’. Telèste ec’ess ìpuno
ste’ torì’ cino pu è’ gapimèno
ti jelònta filì ta ‘mmatàcia-su
ce se sfitti ston pètto-ttu, oimmèna!....

Calìn nìtta! Se fìnno ce pao;
plàja ‘su, ti ‘vo pìrta pricò!
Ma pu pao, pu sirno, pu steo
stin cardìa panta sena vastò!



BUONANOTTE!

 

Com'è dolce questa notte, com'è bella!
e io non dormo pensando a te
e qui sotto la tua finestra, amore mio,
del mio cuore ti apro la pena.

Penso sempre a te,
perché te, anima mia, io amo,
e ovunque io vada, o fugga, o stia,
te sempre porto nel mio cuore.

Le piccole stelle dall'alto mi guardano,
con la luna intrigano insieme,
e deridendomi dicono: "al vento
butti le tue canzoni, e son vane!"

Ma tu dormi e forse nel sogno
ti rivedi con l’altro che ami,
che sorridendoti bacia i tuoi bei occhietti
– ahimé! – e ti stringe al suo petto.

Buonanotte! Ti lascio e vado via;
dormi tu. Io me ne vado amareggiato!
Ma ovunque io vada, fugga o stia,
ti porterò sempre nel mio cuore!

 

voci ALESSANDRA CAIULO, NINFA GIANNUZZI, STEFANIA MORCIANO, ENZA PAGLIARA, ALESSIA TONDO
ANTONIO MARRA batteria, ALESSANDRO MONTEDURO percussioni, ATTILIO TURRISI chitarra battente, STEFANO RIELLI contrabbasso, ROBERTO CHIGA tamburello, ROBERTO GEMMA fisarmonica, GIANLUCA LONGO mandolino, mandola, NICO BERARDI fiati, DANIELE DURANTE chitarra elettrica

 

Torna all'Indice.

 

 

 


 

 

ARIA CADDHIPULINA

 

Aria Caddhipulina canta canta
Ca ci nu sai cantare jeni cu senti

Rit.

Nu cuerpu a lu tampagnu
nu cuerpu a la patella
Nu cuerpu a la uzzeddha
e nui ballamu la tarantella
Mannaggia la marea
la marea te lu mare
comu te giri giri
sempre a retu l’ha pijare

A ci me vole male li ogghiu bene
Li peti stisi all’altare maggiore

Rit.

L’aria de lu trainu è lu cavallu
Lu preciu de la donna è lu capellu

Rit.

La morte te lu purpu è la cipuddha
La sanità te l’omu è la uzzeddha

Rit.

De sti stornelli jeu ne sacciu assai
ci balla la pizzica moi nu more mai

ARIA GALLIPOLINA

 

Aria gallipolina canta canta
che se non sai cantare vieni che senti

Rit

Un colpo al coperchio
un colpo alla padella
Un colpo alla brocca
noi balliamo la tarantella
Mannaggia la marea
la marea del mare
Come ti giri giri
sempre dietro la devi pigliare

A chi mi vuole male gli voglio bene
I piedi stesi all'altare maggiore

Rit.

L'aria del traino è il cavallo
Il pregio della donna è il capello

Rit.

La morte del polpo è la cipolla
La sanità dell'uomo è la brocca

Rit.

Di questi stornelli io ne so assai
chi balla la pizzica non muore mai

 

Voce ANTONIO CASTRIGNANO’
Batteria ANTONIO MARRA, percussioni ALESSANDRO MONTEDURO, chitarra battente ATTILIO TURRISI, contrabbasso STEFANO RIELLI, tamburello ROBERTO CHIGA, fisarmonica ROBERTO GEMMA, mandolino GIANLUCA LONGO, fiati NICO BERARDI, chitarra elettrica DANIELE DURANTE.

Torna all'Indice.

Altro in questa categoria: « Mostre Fuori Festival »

CONTATTI

Fondazione la Notte della Taranta

via Dafni 11

73020, Melpignano (LE)

Tel: 0836439008

 

 

Press office

nottedellatarantapress@gmail.com

 

 

 

 

parkforfun

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo