orchestra popolare 

LOGHI_2018_01.1_1.pngLOGHI_2018_01.2.pngLOGHI_2018_02.1.pngLOGHI_2018_02.2.pngLOGHI_2018_02.4.pngLOGHI_2018_02.pngLOGHI_2018_03.2.pngLOGHI_2018_03.3.pngLOGHI_2018_03.4.pngLOGHI_2018_03.5.pngLOGHI_2018_03.6.pngLOGHI_2018_03.7.pngLOGHI_2018_03.8.pngLOGHI_2018_03.9.pngLOGHI_2018_04.3.pngLOGHI_2018_04.4.pngLOGHI_2018_04.5.pngLOGHI_2018_04.6_1.pngLOGHI_2018_04.7.pngLOGHI_2018_04.8.pngLOGHI_2018_05.1.pngLOGHI_2018_05.1_2.pngLOGHI_2018_05.1_5.pngLOGHI_2018_05.5.pngLOGHI_2018_05.6.pngLOGHI_2018_06.2.pngLOGHI_2018_06.3.pngLOGHI_2018_06.5.pngLOGHI_2018_06.7.pngLOGHI_2018_06.8.pngLOGHI_2018_07.1.pngLOGHI_2018_07.2.pngLOGHI_2018_07.3.pngLOGHI_2018_07.4.pngLOGHI_2018_08.1.pngLOGHI_2018_08.1_1.pngLOGHI_2018_08.3_1.pngLOGHI_2018_08.7.pngLOGHI_2018_08.8.pngLOGHI_2018_08.8_1.pngLOGHI_2018_08.8_4.pngLOGHI_2018_08.8_5.pngLOGHI_2018_08.8_8.pngLOGHI_2018_09.1.pngLOGHI_2018_09.2.png

Roberta Pellegrino

18 agosto - Castrignano de' Greci

H. 19.00 - TEATRO | Palazzo de Gualtieris

Pupe di pane - una performance sul pane e le sue storie

Il pane è al centro di un viaggio che mette in gioco la creatività e la memoria, attraverso una performance sulla sua preparazione e le sue storie. Intorno a una tavola da lavoro, la mattrabbanca, cinque attrici compiono un rituale dando vita a una tradizione che attraversa dialetti e cucine diversi, quella delle pupe di pane. Bambole che si modellavano in attesa della Pasqua, in un tempo in cui i bambini non non avevano nulla e la fantasia ero lo strumento più potente per inventare giochi e passatempi. Le pupe di pane erano sovente, fatte con un impasto dolce, e riceverle era uno dei pochi e per questo speciali doni che i bambini ricevevano. Una sorta di talismano contro le disgrazie, ma anche un rito che si rinnovava e raccontava di donne che impastavano per ore la farina e lo vegliavano prima dell’uccata, l’infornata. Lo spettacolo, con la regia di Tonio De Nitto, è stato ideato, scritto e interpretato da Angelica Dipace, Benedetta Pati, Giulia Piccinni, Antonella Sabetta e Carmen Ines Tarantino e prodotto dall’Accademia Mediterranea dell’Attore di Lecce.

L'appuntamento è alle 19 e nella stessa serata saranno in programma due repliche, rispettivamente alle ore 20 e alle ore 21. Per tutti e tre gli appuntamenti è previsto un numero massimo di 35-40 spettatori, è quindi richiesta la prenotazione al numero 3240594511.

***

H. 21.00 - CONCERTO ALTRA TELA | Palazzo de Gualtieris

Luigi Cinque Hypertext O'rchestra

La memoria, il racconto, il confine la tradizione e il jazz

L’HypertextO’rchestra di Luigi Cinque con Petra Magoni, Alfio Antico, Riccardo Fassi,BadaraSeck si presenta alla Notte della Taranta – Altra tela -  a Castrignano dei Greci con una formazione particolarissima che vede sul palco come guest Petra Magoni sicuramente una delle più intriganti e poliedriche vocalist europee, Riccardo Fassi anche quest’anno nominato da Musica Jazz migliore tastierista italiano, Alfio Antico e il suo  mitico mondo di tamburi a cornice e voce, BadaraSeck straordinaria voce griot, il giovanissimo e già superlativo interprete di chitarra battente Alessandro Santacaterina e la partecipazione straordinaria dei cubbacubba dei Tarantolati guidati da Agostino Cortese. Un mix di arcaico e contemporaneo, acustico ed elettronico, di parola mediterranea, di nuova africa e di suoni contemporanei sulla scia della ricerca infinita di Luigi Cinque riconosciuto internazionalmente come uno dei più importanti innovatori tra contemporaneo e tradizione, tra scrittura musicale e memoria orale, tra mondo antico e postumano. Un concerto fortemente ritmico che in questo caso si propone come una vera e propria performance sul tema, appunto, della memoria mediterranea, delle sue voci e della sua attuale crisi di valori e prospettive.

Petra Magoni, voce. Luigi Cinque, sassofoni, clarinetto, voce e live electronics. Alfio Antico, tamburi a cornice e voce. BadaraSeck, Voce griot. Riccardo Fassi, Tastiere. Alessandro Santacaterina, Chitarra battente. Tarantolati di Agostino Cortese, cubbacubba

***

H.22.00 - CONCERTO RAGNATELA | Parco Unicef

Armonia Greca

“Armonia greca” è un gruppo musicale composto da orchestra e coro, fondato nel 2015 con lo scopo di promuovere l’arte e la cultura greca e quella dei Messolonghi. Il gruppo nato da una costola dell’associazione omonima ha una passione per le poesie che porta in scena impreziosendole con musiche originali. Premiato molte volte per la sua recitazione originale di canti tradizionali greci, di canti in grico (lingua tradizionale della Grecìa salentina) e di canzoni dello stile musicale “rebètiko”. La formazione che comprende musicisti, cantanti e ballerini è composta dal direttore Christos Vlachoyiannis, che è anche voce del coro e suona la pianola,  da Atanasios Sterghìou (bouzouki e voce), Dimitris Foliàs (basso e chitarra), Ermina Taratsà (voce), LefDakalakis(voce).

Pizzicati int'allu core C.J.S. 

Il Canzoniere Jonico Pizzicati int’allu core, affonda le sue radici nelle testimonianze dei vecchi cantori grottaglieri più di vent’anni fa. 

Dal 2007 sotto la direzione artistica di Valerio Manisi  la formazione comprende: Claudio De Vittorio, Stefano Scatigna, Bruno Galeone, Domenico Nisi, Domenico Pignatelli, Antonio Orlando e Vincenzo Santoro.

La visione di Manisi li porta ad unire la cultura musicale jonica e salentina. Tante le contaminazioni con artisti sempre vicini al recupero delle tradizioni, come Eugenio Bennato e Teresa De Sio, con i quali hanno condiviso il palco. Nel 2016 esce il loro primo lavoro discografico “Sciamu” che viene candidato nello stesso anno come miglior disco in dialetto al Premio Tenco.

Leggi tutto...

17 agosto - Galatina

H. 19.00 - LABORATORIO DI PIZZICA E TAMBURELLO | Piazza Dante

***

H. 19.00 - IL BORGO RACCONTA | Piazza Orsini

Visita guidata alla Basilica di Santa Caterina d'Alessandria a cura di ArcheoClub Terra d'Arneo.

***

H. 20.00 - MOSTRE | Convento delle Clarisse

De Martino 60. La mitica estate del '59. Il luogo del culto, Galatina, San Paolo, Tarantismo e dintorni.

Racconto di un libro: "La terra del rimorso" con Paolo Apolito e Stefano de Matteis.

Menadi Danzanti a cura di Kurumuny e Polo Bibliomuseale.

***

H. 21.00 - CONCERTO ALTRA TELA | Piazza Galluccio

Accipiter

Gli Accipiter sono un gruppo di giovani musicisti che si propone di portare in giro spettacoli in cui le musiche tradizionali del Sud vengono contaminate da influenze più moderne. Un folk-pop-funk con melodie accattivanti, ritmi aggressivi e testi ritmici che si fondono in un tutt’uno. La voce di Michela Labbate, dal timbro intenso e poetico, le melodie ipnotiche della fisarmonica e dell’organetto del virtuoso Domenico Piliero, i ritmi travolgenti di Domenico Dimilta “Terremoto”, interprete della tammorra, il basso energico di Franky “Psycho” Damato, il mandolino e i flauti di Domenico “The Joker” Imperatore, poliedrico strumentista, le percussioni incalzanti di Giovanni “The Snake” Guarino, l’incedere delle cornici di Graziano “Grà” Lamarra, anima tarantata, la sinergia tra chitarra e voce di “Pietro Pietro” Varvarito” e la danza della “Libellula Nera” Sara Colucci, creano uno spettacolo coinvolgente che punta ad una corrispondenza di sensi tra il pubblico e ciò che succede sul palco.

***

H. 22.00 - DANZA. PIZZICA IN SCENA | Castello Castriota Skanderberg

***

H.22.30 - CONCERTO RAGNATELA | Piazza Dante

Orchestra del Liceo scientifico "Leonardo Da Vinci" di Maglie

L’orchestra del liceo scientifico “Leonardo da Vinci” di Maglie nasce dalla convinzione che la musica sviluppi nei ragazzi creatività e armonia, responsabilità e partecipazione. La musica come lezione di vita, unica e irripetibile. Nata nel 2011, da una idea della dirigente scolastica Annamaria Corrado e del professore Massimiliano Cananà, l’orchestra è composta da 48 elementi che suonano classici rivisitati, spaziando tra i generi più disparati. La fusione dei generi e delle specialità ha creato un tutto armonico e una versatilità musicale che ha avuto la possibilità di mettersi in mostra su diversi palcoscenici, dalle piazze del Salento fino al palazzo di Giustizia e alla Scuola di Cavalleria, culminando con un’esibizione in piazza S. Pietro al cospetto di Sua Santità Papa Francesco.Il progetto mette in campo un confronto continuo tra modernità e radici, cultura dei libri e cultura dei sensi, dal quale i ne escono più forti, consapevoli e preparati. In questa occasione l’Orchestra si cimenta con il repertorio musicale salentino, “contaminandolo” con i timbri del proprio organico. La musica cosiddetta colta e la tradizione popolare, trasfuse in note accanto alle sonorità rock e pop, diventano ritmo appassionato ma anche esercizio continuo disciplinato, quasi una colonna sonora per una delicata fase della vita, quella dell’adolescenza.I 48 giovani musicisti saranno diretti eccezionalmente dal maestro Armando Ciardo, docente di violino, che ha collaborato negli anni con Aldo Ciccolini, Uto Ughi, Luis Bacalov, Lucio Dalla e i Negramaro.

Antonio Castrignanò Taranta Sounds & Sona Jobarteh

Antonio Castrignanò, musicista salentino, ama sperimentare continuamente nuove sonorità e linguaggi di comunicazione: musicale, culturale e umano. Antonio Castrignanò (voce, tamburo, mandola) sarà accompagnato da Rocco Nigro (fisarmonica) Gianluca Longo (mandola e mandolino) Luigi Marra (violino e voce) Giuseppe Spedicato (basso) Maurizio Pellizzari (chitarra elettrica) Gianni Gelao (fiati) Davide Chiarelli (batteria e percussioni). Antonio e i suoi musicisti ospiteranno Sona Jobarteh, la prima donna proveniente da famiglia “Griot” a suonare da professionista la Kora, strumento tradizionale dell’Africa. Insieme accompagneranno il pubblico in un percorso musicale con note intime che si alterneranno al ritmo travolgente della pizzica.

 

Leggi tutto...

16 agosto - Carpignano Salentino

H. 19.00 - LABORATORIO DI PIZZICA E TAMBURELLO | Piazza Duca d'Aosta

***

H. 19.00 - TEATRO | Via Giuseppe Elia

Pupe di pane - Una performance sul pane e le sue storie

Il pane è al centro di un viaggio che mette in gioco la creatività e la memoria, attraverso una performance sulla sua preparazione e le sue storie. Intorno a una tavola da lavoro, la mattrabbanca, cinque attrici compiono un rituale dando vita a una tradizione che attraversa dialetti e cucine diversi, quella delle pupe di pane. Bambole che si modellavano in attesa della Pasqua, in un tempo in cui i bambini non non avevano nulla e la fantasia ero lo strumento più potente per inventare giochi e passatempi. Le pupe di pane erano sovente, fatte con un impasto dolce, e riceverle era uno dei pochi e per questo speciali doni che i bambini ricevevano. Una sorta di talismano contro le disgrazie, ma anche un rito che si rinnovava e raccontava di donne che impastavano per ore la farina e lo vegliavano prima dell’uccata, l’infornata. Lo spettacolo, con la regia di Tonio De Nitto, è stato ideato, scritto e interpretato da Angelica Dipace, Benedetta Pati, Giulia Piccinni, Antonella Sabetta e Carmen Ines Tarantino e prodotto dall’Accademia Mediterranea dell’Attore di Lecce.

L'appuntamento è per le 19 e nella stessa serata saranno in programma due repliche, rispettivamente alle ore 20 e alle ore 21. Per tutti e tre gli appuntamenti è previsto un numero massimo di 35-40 spettatori, è quindi richiesta la prenotazione al numero 3240594511.

***

H. 21.00 - CONCERTO ALTRA TELA ALBERI DI CANTO| Largo Giudeca

Sguardi sonori sul Salento: Luigi Mengoli

Il progetto di Luigi Mengoli, partendo da alcune melodie tratte dal repertorio etnomusicale salentino, espande le sue potenzialità espressive grazie ad un lavoro di ricerca in campo armonico e timbrico. Ne viene fuori una sequenza di brani che, "sporcati" da incursioni elettroniche, presenta la tradizione sotto una luce inedita.

In tal modo emerge l'abilità costruttiva dell’autore, che, arricchita dalla collaborazione di importanti compositori (Andrea Gargiulo, Giorgio Colazzo, Giuseppe Mengoli, Michele Pezzuto), riesce ad esaltare le qualità interpretative degli esecutori, tutti musicisti professionisti. Sotto il coordinamento musicale di Michele Pezzuto, Sguardi sonori sul Salento, il progetto artistico di Luigi Mengoli ha una formazione di sette membri: Luigi Mengoli (chitarra e voce), Pascal Coppola (clarinetto), Massimo Perrone (corno), Roberto Lazzari (fagotto), Giuseppe Giannotti (oboe), Daniele De Pascali (flauto), Roberto Mengoli (tamburello) e Gabriele Balsamo (percussioni).

***

H.22.00 - CONCERTO RAGNATELA | Piazza Duca d'Aosta

Criamu

Un suono mio è quello che caratterizza i Criamu formazione di Muro Leccese che nasce da Cosimo Damiano Giagnotti, in arte Mino Cavallino, suo fratello Claudio detto Cavallo, Carlo De Pascali detto Calabrese, Valentina Mazzotta e Valeria Giagnotti. Nati da una costola dei Mascarimirì percorso artistico musicale di respiro internazionale con nuove sonorità musicali e culturali, i Criamu tornano alle origini, alla radici salentine, alla casa e alle tradizione con lo spirito di scrivere nuove idee musicali sul canto popolare e sul ritmo ancestrale della pizzica pizzica.  

Da oltre vent’anni Criamu fa veicolare un messaggio di recupero e rispetto delle tradizioni popolari pur rimanendo ben aperti sulla realtà anche tecnologica che ci circonda. La loro linea melodica è tracciata dal suono delle corde del mandolino, la mandola, il bouzucki e da una fisarmonica che fanno da incastro ad un sound mediterraneo salentino fatto da sintetizzatori midi, percussioni elettriche,  tambureddhru salentino e cupa cupa con in canto delle due voci dai sentori ancestrali.

Ariacorte di Rocco Borlizzi

Gli Ariacorte nascono nel 1996 da una idea di Rocco Borlizzi e dalla volontà di mantenere viva la tradizione orale e la cultura popolare salentina. Antichi strumenti, come il tamburello a cornice ed il mandolino scandiscono il ritmo della “pizzica” accordandosi, senza soluzione di continuità, con il resto della strumentazione. Lo spettacolo ripropone gli antichi brani salentini, le musiche della grecìa salentina, i suoni ancestrali di terra Messapica. Sul palco Rocco Borlizzi (voce e tamburello), Giacomo Filippo Casciaro (mandola,  mandolino, voce e fiati), Alberto Corrado Pezzuto (violino e voce), Angelo Surdo (fisarmonica e organetto), Francesca Falcone (chitarra) e Sergio Pizza (tamburello e percussioni).

Leggi tutto...

15 agosto Torrepaduli

H. 20.00 - PICCOLA RONDA Percorso di conoscenza della danza scherma | Piazza Carmelitani

63 bambini protagonisti del  progetto formativo promosso da

Fondazione La Notte della Taranta 

63 bambini, dai 4 ai 14 anni, sono i protagonisti del progetto “Piccola Ronda” avviato dalla Fondazione La Notte della Taranta nel 2017. Il percorso di formazione punta alla trasmissione dei codici, dei movimenti e delle regole della  danza scherma che ogni anno richiama nella piazza di San Rocco migliaia di turisti e appassionati della grande festa popolare. Il progetto che ha preso il via il 1 luglio  e terminerà l’8 agosto è stato accolto con entusiasmo dalle famiglie di Torrepaduli ed è fortemente inclusivo. Tra i piccoli partecipanti anche molti ospiti della casa famiglia “La Coccinella” di Ruffano e del “Centro Diurno Il Giardino della nuvole”, che avranno la possibilità, attraverso gli appuntamenti settimanali con la danza, di dialogare e giocare con i coetanei. 

Lo spettacolo realizzato dalle bambine e dai  bambini di PICCOLA RONDA aprirà i festeggiamenti in onore di San Rocco il 15 agosto a Torrepaduli, e il preconcertone di Melpignano il 24 agosto.

MAESTRI:

Daniela De Rosa, tamburello

Sara Meraglia, canti popolari

Amin Halim, tamburello

Serena Pellegrino, danza

 

VOLONTARI:

Andreina Falcone

Carla Falcone

Anna Vincenti

 

SI RINGRAZIA:

"Il giardino della Luna", centro aperto polivalente per minori di "UNA MANO PER TE" Cooperativa Sociale Onlus.

"Coccinella" comunità per minori.

"Libellula" Scoc. Cooperativa Sociale.

Leggi tutto...
Sottoscrivi questo feed RSS

CONTATTI

Fondazione la Notte della Taranta

Via della Libertà, 66 (Ex Convento dei Padri Agostiniani)

73020, Melpignano (LE)

Tel: 0836439008

 

 

Press office

nottedellatarantapress@gmail.com

 

 

 

 

parkforfun

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo